Paccheri di Gragnano al sugo di orata   Leave a comment

Piccolo soliloquio su questo piatto.
Prima parte: qualche settimana fa sono andata in un ristorante di Faenza (La Voglia Matta) a festeggiare tutto e niente con il mio moroso e ho (miseramente) scoperto i paccheri (piatto ordinato: Paccheri di mare). Non che ne ignorassi l’esistenza, ma mi erano sempre sembrati un formato troppo esagerato.
Seconda parte: il giorno dopo, a cena della mia carissima collega napoletana, annuncio al mondo intero che mi sono innamorata di questa pasta, che è troppo buona, che tiene benissimo la cottura… morale? Me ne torno all’ovile con mezzo chilo di Paccheri di Gragnano, gentilmente portati dalla mamma di Consiglia direttamente da Napoli.
Terza parte: il giorno dopo compro la rivista “Cucinare bene – Luglio 2008“. Scopro che, tra i prodotti del mese, trovano posto le orate. Giro pagina e trovo la ricetta dei “Paccheri al sugo di orata“.

Ora… dopo tutte queste bizzarre coincidenze, una di seguito all’altra, potevo non lanciarmi in questo primo spettacolare (leggermente modificata in dosi e ingredienti)?!

Ingredienti – per due persone

250 g di Paccheri di Gragnano
Un’orata di media grandezza
400 g di pelati
50 g di olive nere
Un cucchiaio di capperi in salamoia
Basilico, aglio, olio extravergine di oliva, peperoncino, sale

Preparazione

Prendere l’orata, pulitela internamente e squamarla per bene, passando la lama di un coltello nel senso inverso alle squame (se, come me, non siete dotati dell’apposito attrezzo: diffido di troppi tafanari in cucina).

Pulitela e ricavatene due filetti. La ricetta parlava di filetti già pronti, ma non saprei dove andare a recuperarli.

Fateli cuocere in padella per 5 minuti, con un filo di olio extravergine, dalla parte della pelle, senza mai girarli. Si può facilitare la cottura coprendo con un coperchio.

Nel frattempo, impostate un sugo al pomodoro: versate in una padella, in cui avrete fatto rosolare uno spicchio d’aglio con due cucchiai di olio, 400 g di pelati. Aggiungete le olive, i cappeli, il basilico e aggiustate di sale e peperoncino. Lasciatelo ridurre per 10 minuti.

Preparate l’acqua per i paccheri: abbondante e con l’aggiunta di due cucchiai di olio. Mentre cuoceranno, i paccheri andranno mescolati spesso ma con molta delicatezza per evitare che si appiccichino e che si rompano.

Aggiungete quindi le orate al sugo di pomodoro, dividendo i filetti a metà per il lungo. Mescolate.

Tasferite i paccheri con un filo di acqua di cottura nella padella del sugo e mescolate delicatamente il tutto.

Fierissima di questo piatto, per non aver distrutto la pasta 😉

E soddisfattissima della velocità con cui è stata scafanata!!!!

Aggiornamento

Da oggi sono presente su  , un aggregatore di feed online e siccome l’idea mi sembra molto carina, la pubblicizzo più che volentieri 😉 .

Prosit, a me e a loro!

Annunci

Pubblicato luglio 6, 2008 da irishfairy in Primi Piatti, Ricette Regionali

Taggato con ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: