Archivio per l'etichetta ‘Melanzane

Pasta alla norma (per finta?)   9 comments

Perchè, diciamocelo… chi più di una che ha preso 30 cum laude all’esame di Nutrizione e Alimentazione Umana ve lo può ricordare?! Bisogna mangiare sano! Che mica vuol dire brodino e polletto smorto al vapore… Detto ciò, anche se la pasta alla norma va fatta con le melanzane fritte, io ho escogitato una variante che il vostro fegato può reggere tutti i giorni e che è pure incredibilmente buona… Le dosi del sugo sono per tre, ne ho congelata una parte, poi vi dirò come ha sopportato la conservazione.

Ingredienti – per due (tre) persone

1 melanzana
250 g di polpa di pomodoro (o pomodoro fresco, ma qui da me stanno iniziando ad essere anemici e mi rifiuto di comprarli)
4 pomodori secchi al naturale
Aglio, peperoncino, sale
Olio
Sale grosso
80/100 g di linguine a testa

Preparazione

Prendere una melanzana (vi metto la foto, così vi fate un’idea delle dimensioni, mi sono dimenticata di pesarla).

Tagliarla a fette e metterla in uno scolapasta, cospargerla di sale, coprirla con un peso e lasciarle fare l’acqua.

Trascorsa mezz’oretta, sciacquare le melanzane sotto l’acqua, tamponarle con della carta da cucina e tagliarle a cubetti. Trasferirle in una teglia e lasciarle cuocere in forno a 180°C per 15 minuti.

Nel frattempo, scaldare due/tre cucchiai di olio in una padella con due spicchi di aglio tagliati a metà.

Aggiungere i pomodori secchi tagliati a pezzetti.

Far soffriggere il tutto un paio di minuti, aggiungere il pomodoro, salate leggermente e mescolate.

Le melanzane in uscita dal forno dovranno essere morbide ma non sfatte, visto che dovranno cuocere ancora qualche minuto nel sugo.

Aggiungere quindi le melanzane al sugo e lasciar cuocere 5 minuti a fuoco molto basso, e mescolando in modo che sia tutto ben amalgamato.

Cuocere la pasta (io ho scelto delle linguine ma ho visto che le penne vanno per la maggiore con le melanzane). Scolarle al dente e passarle nel sugo.

Servire con (l’immancabile) spolverata di ricotta salata.

Non c’è amore più sincero di quello per il cibo. George Bernard Shaw.

PS: se volete la versione con le melanzane fritte… il procedimento è uguale, invece di cuocere le melanzane al forno le friggete come in questa ricetta (Melanzane a funghetto).

Annunci

Melanzane a funghetto   3 comments

Questo piatto mi giunge direttamente da Napoli, dalla quella preziosa fonte di ricette quale è la mia collega Consiglia.

Ingredienti

300 g di melanzane
3 pomodori tipo San Marzano maturi
Olio per friggere
Olio extravergine, aglio, sale, peperoncino
Basilico fresco

Facoltativo: rosmarino

Preparazione

Cubettare le melanzane ed, eventualmente, cospargerle di sale, coprirle con un piatto e lasciarle riposare per mezz’ora in modo che facciano l’acqua.

Trascorsa mezz’ora circa, lavare le melanzane e asciugarle con abbondante carta da cucina.
Scaldare quindi l’olio per friggere, con l’aggiunta di un cucchiaio di aghi di rosmarino essiccati.

Mettere le melanzane a friggere, a fiamma prima vivace e poi medio-bassa.

Qua ci vuole una precisazione: su diretto suggerimento, ho protratto la frittura in modo da avere delle melanzane ben croccanti… e colorate. Aveva ragione la mia collega, non sanno per niente di bruciato come invece potrebbe sembrare. Provate, poi mi direte.

Nulla vieta comunque di scegliere il grado di cottura che si preferisce.
Sgocciolate le melanzane dall’olio in eccesso e tenetele da parte.

Preparare quindi i pomodori, lavandoli accuratamente e cubettandoli in pezzi abbastanza grossi.

Fate scaldare olio extravergine in una padella di adeguate dimensioni (dovrà contenere anche le melanzane) e fate soffriggere uno spicchio di aglio. Quindi aggiungete i pomodori e fateli saltare con sale, peperoncino e basilico fresco.

Fate cuocere pochi minuti e aggiungere le melanzane.

Amalgamare bene il tutto e divorare in tempi brevi 🙂 .

Buonissime!!!

Pubblicato settembre 14, 2008 da irishfairy in Contorni, Ricette Regionali

Taggato con ,

Crema di melanzane   4 comments

Sottotitolo: le melanzane sono la mia seconda verdura preferita (la prima sono le zucchine).

Ingredienti

300 g di melanzane
3 cucchiaini di maionese
Maggiorana
Sale & pepe

Preparazione

Da preparare abbastanza in anticipo perchè necessita di un po’ di riposo in frigo.

Far bollire le melanzane in abbondante acqua non salata, dopo averle lavate e spuntate.

Quando saranno diminuite di volume di circa la metà, scolarle e farle raffreddare.

Con un coltello a lama larga, tritarle fino a ridurle in crema e trasferire il tutto in un colino. Lasciar riposare per circa mezz’ora (un’ora è comunque meglio).

Versare la crema di melanzane in una ciotola e aggiungere la maionese, il sale e il pepe.

Mescolare accuratamente e spolverare abbondantemente con maggiorana (anche essiccata, se fresca non la si trova).

Lasciar riposare in frigo per circa due ore. Servire su crostini, pesce, o con formaggi.

Esiste una versione di questa crema, diciamo… la versione originale, ricetta di Cristina della Romania, che prevede l’aggiunta di cipolle rosse in quantità pari al peso delle melanzane. Versione che il moroso affamato apprezza di più, ma a me piace in entrambi i modi. Riguardo alla maggiorana… è una bella varietà di origano che consiglio vivamente a tutte le persone che, come me, non possono mangiare l’origano comune.

Buon appetito!

Frittelle di melanzane   1 comment

Ingredienti

Una melanzana da 200 g
Pastella
Olio per friggere
Sale & pepe

Preparazione

Preparare la pastella. Tagliare la melanzana a rondelle e cospargerle di sale per far eliminare l’acqua.

Volendo, si può sbucciare la melanzana. Dopo circa mezz’ora, sciacquare accuratamente le rondelle e asciugarle. Immergerle nella pastella poche alla volta, di modo che vengano coperte interamente.

Passarle quindi nell’olio bollente, girandole a metà cottura. Proseguire finchè non diventeranno ben dorate da entrambi i lati.

Passarle sulla carta da cucina in modo da assorbire l’olio in eccesso.

🙂 ho aggiunto anche una zucchina… ottima anche questa.

Servire dopo aver spolverizzato con sale e pepe, con pomodori datterini al naturale.

Per cercare di rendere l’idea di come sono internamente…

… sono morbidissime, quasi fondenti. Bisogna proprio provarle.

Pubblicato luglio 18, 2008 da irishfairy in Antipasti, Contorni, Ricette di Famiglia, Secondi Piatti

Taggato con ,

Caponata di Melanzane   Leave a comment

Dedicata a chi mi legge assiduamente 😉 .

La caponata di melanzane va preparata con largo anticipo, se si intende servirla come contorno. La cosa migliore che consiglio, comunque è di raddoppiare o triplicare le dosi della mia ricetta e poi metterla in vasetti di vetro ben sterilizzati. Dura tranquillamente 6 mesi (di più non so, non è mai durata così a lungo…).

Ingredienti – per 4 persone molto affamate o per 6 persone con una fame normale 🙂

300 g di melanzane
2 coste di sedano (bianco è meglio)
4 scalogni
Olive nere
Pomodori di Pachino
600 g di polpa di pomodoro (o 400 g di passata di pomodoro)
100 ml di aceto bianco
2 cucchiaini di zucchero
Olio, sale, peperoncino

Preparazione

Tagliare a cubetti la melanzana.

Affettare il sedano.

Tagliare lo scalogno a rondelle e le olive nel senso della lunghezza. Ma se avete molto tempo e molta pazienza, tagliate le olive a rondelle, sono decisamente più scenografiche.

Scaldare il wok. Una volta caldo aggiungere l’olio – extravergine di oliva, va da se 😉 .

Fate rosolare lo scalogno fino a farlo diventare trasparente.

Successivamente, aggiungete il sedano…

… e le melanzane. Rosolate bene le verdure nel soffritto, facendo cuocere per circa 5 minuti.

Quindi aggiungete i pomodori di Pachino (incidendo leggermente la buccia con un coltellino affilato o con una forchetta, così non “esploderanno mentre cuociono…).

Dopo altri 5 minuti, aggiungere la polpa di pomodoro (o la passata).

Quando le verdue iniziano ad amalgamarsi bene con il pomodoro (10 minuti al massimo), aggiungere 100 ml di aceto bianco…

… e lo zucchero.

Mescolare con cura il tutto e aggiungere il sale, secondo i gusti (non salare esageratamente, il dolce dello zucchero non si sente a cottura ultimata). Per ultimo, aggiungere le olive.

A questo punto, la caponata va in cottura: ci vorranno 3/4 d’ora abbondanti o, comunque, fino a quando non è evaporata tutta l’acqua in eccesso. Una volta cotta, dimenticatevela per 5/6 ore almeno, è uno di quei piatti a cui giova il “riposo”. Poi ci sono due correnti di pensiero: servirla calda o a temperatura ambiente, che sicuramente rende meglio.

Caponata di Melanzane

NB: siccome sbagliando si impara… da che mondo è mondo, la gente di solito fa “fare l’acqua” alle melanzane con il sale. Beh, ho provato a farla in tutti e due i modi e ritengo sia decisamente meglio non disidratare le melanzane prima della cottura. E’ un piatto che va fatto cuocere a lungo e se la verdura ha già perso l’acqua in altri modi, il risultato sarà una poltiglietta un po’ brutta da vedersi e priva di consistenza.

Enjoy!

Pubblicato maggio 8, 2008 da irishfairy in Conserve, Contorni

Taggato con